Viaggio Sicilia - Piccolo tour della Sicilia

Un meraviglioso viaggio in Sicilia


Torben, autoproclamatosi guida del nostro viaggio, aveva già programmato tutto. Dal piccolo porto di attracco di San Giovanni attraversiamo il mare fino a raggiungere la Sicilia. Siccome abbiamo preso il traghetto molto presto c’erano solo poche auto che facevano l’attraversata con noi. Siamo saliti velocemente sulla nave e abbiamo potuto scegliere i posti migliori sul ponte. La temperatura è ora di circa 30 gradi. Questa non è una novità in settembre per questa regione. Proprio per questo ci eravamo decisi per la Sicilia, perché ci piace semplicemente stare al caldo. La traversata è passata velocemente. Purtroppo questa volta non siamo riusciti a vedere i delfini. Peccato.

 

Taormina

 

Dal nostro piano abbiamo deciso di tralasciare Messina, quindi siamo abbiamo preso direttamente l’autostrada. Grazie al navigatore abbiamo trovato presto la strada. Un navigatore al giorno d’oggi è molto utile, soprattutto un paese dove non ci sono molte indicazioni. Alla fine siamo riusciti ad uscire da Messina e siamo arrivati comodamente a Taormina, la nostra prima tappa.

 

Poiché la nostra compagnia è un po’ pigra abbiamo deciso di arrivare con la macchina fino al centro di Taormina. Il nostro autista si è coraggiosamente inoltrato nelle stradine strette fino a trovare finalmente un parcheggio. Abbiamo lasciato la macchina in un parcheggio libero e ci siamo diretti verso il famoso teatro. Il tempo era fantastico.

 

Siccome il calore del mezzogiorno era troppo per noi, abbiamo deciso di andare a mangiare qualcosa in un ristorante climatizzato. Non avevamo molta fantasia, quindi abbiamo ordinato una pizza a testa. Bisogna dire che gli italiani sono imbattibili nel fare la pizza. Era semplicemente fantastica. Arrivati al teatro ci siamo goduti il fantastico panorama, non avevamo parole. Con quella bella giornata limpida si poteva vedere bene l’Etna, che si innalzava davanti a noi in tutto il suo splendore. Poi ci siamo concessi ancora un espresso e ci siamo diretti verso il centro storico. Siccome avevamo già prenotato il nostro posto in campeggio, abbiamo potuto ammirare tutto con gran calma. Alla sera presto abbiamo lasciato Taormina e ci siamo diretti verso il campeggio. Questo non è uno dei migliori dell’isola, ma in fondo era solo per una notte. Siccome eravamo stanchissimi e ancora sazi dalla pizza, dopo esserci accordati per il giorno dopo siamo andati subito a letto.

 

Palermo

 

La nostra meta per il giorno successivo era Palermo. Siccome volevamo vedere molte cose ci siamo messi in viaggio molto presto. Siamo giunti nella città facilmente e senza troppe code. Arrivati a Palermo abbiamo per prima cosa fatto una bella colazione, prima di partire per il giro turistico. Abbiamo deciso di prendere un bus panoramico. Credo ci siano stati mostrati tutti i luoghi più importanti, ed inoltre ci siamo risparmiati il caos della città.

 

Monreale

 

Dopo Palermo volevamo assolutamente visitare il monastero di Monreale. Subito dopo Palermo è stata tutta una salita fino a Monreale. Non vedevamo l’ora di vedere questo duomo storico, che grazie ai suoi mosaici è conosciuto in tutto il mondo. Abbiamo parcheggiato lì vicino e ci siamo messi alla ricerca a piedi. Per nostra fortuna siamo riusciti ad accodarci a una guida al duomo, che ci ha mostrato tutto l’edificio e ci ha spiegato i mosaici del 10. e 11. Secolo. Era pazzesco come i mosaici si fossero ben conservati.

 

La cosa che ci è piaciuta di più è stata la cappella con le sue diverse colonne. Ogni colonna ha una forma diversa. Tutta la cappella è decorata riccamente con figure e piante. Eravamo molto meravigliati dalla bellezza di questa cappella. Questa gita a Monreale ne è valsa davvero la pena ed è davvero da consigliare.

 

Nel pomeriggio ci siamo fermati in un piccolo bar di Palermo e ci siamo organizzati per il resto della giornata. Il nostro secondo campeggio era a circa 50 km sul Golfo di Castellammare. Volevamo passare qui gli ultimi 5 giorni per rilassarci al mare. Dopo circa 2 ore eravamo già nel campeggio. Una doccia veloce e siamo andati a mangiare al mare. Abbiamo mangiato in un piccolo paese di pescatori direttamente sul mare. Il pesce era buonissimo.

 

Scopello

 

I giorni seguenti li abbiamo passati in spiaggia e ci siamo goduti l’ottimo cibo. Nel nostro programma c’era un posto fondamentale per il relax. I giorni sono passati in fretta. Purtroppo troppo in fretta. Abbiamo preso una bella abbronzatura di cui andavamo molto fieri. L’ultima sera ci siamo concessi una cena speciale e siamo andati a mangiare a Scopello. Questo paesino è posto su una collina affacciata sul golfo di Castellammare. Il cibo era stupendo e nei negozietti di souvenir abbiamo trovato tutti i regalini per i nostri parenti. Siccome al giorno dopo dovevamo partire molto presto, abbiamo deciso di concludere un po’ prima la serata.

 

Alla mattina ci siamo diretti subito verso il porto, cosa non molto semplice, nonostante il navigatore. Ma siamo riusciti comunque a partire per tempo quindi non abbiamo dovuto affrettarci. Siamo arrivati di nuovo troppo presto al porto. Per fortuna abbiamo potuto fare subito il check-in, quindi abbiamo potuto aspettare la partenza già sulla nave. Da lì avevamo una bellissima vista su Palermo e sulla Sicilia. Ci è dispiaciuto davvero dover lasciare così presto l’isola. Ma il nostro viaggio in Italia doveva continuare e non era per niente finito.